Il ruolo dell'educatore

E' certo che per la Montessori il ruolo del protagonista nell'educazione da lei concepita è del bambino, ma l'educatore è una figura tutt'altro che assente anche se il suo ruolo può sembrare a volte più passivo che attivo.L'educatore deve aiutare il bambino a tirar fuori, a far emergere quello che già è presente come dono in lui. Deve essere in grado di ascoltare, osservare e stimolare con discrezione. Deve saper cogliere il momento giusto per intervenire senza mai sostituirsi al bambino. Deve promuovere questo sviluppo affinché l'educazione possa ambire al suo  obiettivo che è quello di portare ad un miglioramento, ad un cambiamento positivo.L'educatore diventa uno strumento di mediazione tra il bambino e l'ambiente, aiutandolo, sostenendolo e consigliandolo senza mai però imporsi e sostituirsi a lui. Il ruolo dell'educatore nel nido è di fondamentale importanza in quanto in questa fase della vita il bambino scopre di essere un'entità a sé stante, non si identifica più con la madre ed è perciò importantissimo non costruire per lui l'identità, ma far emergere la sua.

Il lavoro degli educatori che si occupano della prima infanzia è molto spesso sottovalutato, ma non dobbiamo dimenticare che sono le prime persone alle quali vengono affidati i figli, le prime che instaurano con loro una relazione al di fuori del contesto familiare. Sono le prime a guidarlo verso la scoperta di sé.